Agenzia Viaggi “PICENTINA TOUR” - Via Ostaglio 55, Loc. FUORNI, 84131 SALERNO

Tel 089.772045  Fax 089.7724709  E-mail: info@picentinatour.it

Casella di testo: Home
Casella di testo: Chi siamo
Casella di testo: Offerte Viaggi
Casella di testo: Contatti
Casella di testo: Link
Casella di testo: Utility
Casella di testo: Dove siamo

News

Hotel

Casella di testo: Crociere

Iniziative

Casella di testo: Noleggio auto

Destinazioni

Preventivi

Casella di testo: Lista Nozze

INGRESSO NEGLI USA PER I TURISTI ITALIANI

ALCUNE IMPORTANTI INFORMAZIONI

PER L’INGRESSO NEGLI U.S.A. PER I CITTADINI ITALIANI

NOVITA’ 2009

ESTA (Electronic System for Travel Authorization)

A partire dal 12 gennaio 2009 i cittadini italiani che si recano negli Stati Uniti devono ottenere

un’autorizzazione elettronica (ESTA) prima di partire per gli USA.

Questa autorizzazione viene rilasciata dal “U.S. Department of Homeland Security”, ed è valida per

il periodo massimo di 2 anni o fino alla scadenza del passaporto (a seconda della condizione che si

verificherà per prima).

Attenzione:

- l’imbarco potrebbe essere negato a coloro che non possiedono tale autorizzazione

- l’autorizzazione non garantisce l’ingresso negli Stati Uniti, ma soltanto l’imbarco sul mezzo di

trasporto scelto per raggiungere gli Stati Uniti.

L’autorizzazione va richiesta on-line, sul sito https://esta.cbp.dhs.gov.

E’ consigliabile compilare il modulo il più presto possibile, e comunque non più tardi dei 3 giorni

prima della data di partenza; il sito rilascia infatti l’autorizzazione in un tempo massimo di 72 ore.

Suggeriamo portare con sé una stampa della conferma dell’Autorizzazione.

Vi ricordiamo innanzitutto di controllare la validita' del Vostro Passaporto, e verificare se e' necessario il visto

d'ingresso per la destinazione prescelta.

I cittadini italiani che si recano negli Stati Uniti, Puerto Rico o Isole Vergini USA (anche come solo transito)

dovranno disporre del nuovo tipo di passaporto a lettura ottica. Anche i bambini e i neonati dovranno essere

in possesso di proprio passaporto individuale di nuovo tipo. In alternativa, i possessori di passaporto di

vecchio tipo, purche' valido, dovranno essere obbligatoriamente provvisti di Visto turistico per gli Stati Uniti, da

richiedere in tempo utile, alle Ambasciate competenti prima della partenza dall'Italia.

I passaporti emessi (o rinnovati) tra il 26 Ottobre 2005 e il 26 Ottobre 2006 dovranno avere inoltre la fotografia

identificativa in formato digitale; chi fosse in possesso di un passaporto a lettura ottica senza fotografia

digitale emesso in questo lasso di tempo dovrà richiedere e munirsi di regolare visto di ingresso prima di partire

per gli U.S.A. Tutti coloro il cui passaporto a lettura ottica è stato emesso prima del 26 ottobre 2005, potranno

continuare ad entrare negli USA senza dover richiedere un visto di ingresso come previsto dal Visa Waiver

Program.

Per capire se la foto che appare sul passaporto di chi viaggia è in formato digitale basta assicurarsi che la

stessa sia stampata direttamente e che non sia la classica fototessera applicata con adesivo e quindi

laminata sul documento. La fotografia digitale risulta molto più difficile da contraffare.

I passaporti emessi (o rinnovati) dopo il 26 Ottobre 2006 dovranno essere di tipo “elettronico”, e cioè, oltre alla

foto in formato digitale, dovranno avere un chip che memorizza le informazioni biografiche e biometriche.

Questi requisiti sono infatti parte integrante di un complesso programma volto ad aumentare la sicurezza ai

cittadini Americani e ai visitatori internazionali; tutto ciò anche al fine di garantire ed assicurare

inequivocabilmente la validità dei documenti di ciascun viaggiatore.

Infine vi informiamo che, già dal 30 Settembre 2004, ai cittadini provenienti dai paesi aderenti al "Visa Waiver

Program" (tra cui l’Italia), al controllo immigrazione U.S.A. viene scattata una fotografia digitale e vengono

scansionate le impronte digitali. Queste nuove procedure sull'immigrazione sono state introdotte dopo gli

eventi di questi ultimi anni.

Informazioni richieste a tutti i passeggeri sui voli per gli USA

Gentile passeggero,

il “Department of Homeland Security“ (Dipartimento per la sicurezza interna) degli Stati Uniti ha emanato una

legge che obbliga tutte le linee aeree a registrare i dati personali dei loro passeggeri diretti negli Stati Uniti e a

comunicarli alle autorità USA.

Per questa nuova normativa la Compagnia sulla quale vi imbarcherete vi richiederà, al momento del checkin,

l’indirizzo completo del primo hotel (o abitazione privata) dove soggiornerete negli Stati Uniti.

In caso la prima notte sia prevista su una crociera, indicare il nome della nave e la città d’imbarco.

Qualora la prima notte del vostro soggiorno negli USA non fosse ancora stata fissata, indicare la città o l’area

dove intendete pernottare.

Preghiamo notare che questi dati sono assolutamente necessari per ottenere l’autorizzazione all’ingresso nel

paese da parte delle autorità USA.

Sono esclusi dal campo di applicazione di questa normativa i cittadini statunitensi, i possessori di un permesso

di soggiorno permanente per gli Stati Uniti e i viaggiatori in transito attraverso gli USA ma che proseguono per

altri paesi.

Informazioni riguardanti il trasporto del bagaglio a mano

Vi informiamo che sono state adottate nuove disposizioni per il trasporto del bagaglio a mano sugli aeromobili

in partenza da tutti gli aeroporti dell’Unione Europea (incluso Norvegia, Islanda e Svizzera), per qualsiasi

destinazione e sui voli aerei negli U.S.A e Puerto Rico. Vi ricordiamo che è consentito il trasporto in cabina di

un solo bagaglio a mano per persona, di peso e dimensioni ridotte (i limiti sono variabili a seconda della

compagnia aerea).

Ai punti di controllo di sicurezza aeroportuale ciascun passeggero ed il relativo bagaglio a mano saranno

controllati per individuare, oltre agli articoli già proibiti dalla normativa vigente, anche eventuali sostanze

liquide. Nel bagaglio a mano è consentito trasportare piccole quantità di liquidi. Per liquidi devono intendersi:

acqua, gel, aerosol, olii e lozioni, profumi, creme, spray e recipienti sotto pressione, incluse schiume da barba

e deodoranti, paste incluso dentifricio, miscele di liquidi/solidi, mascara. Questi liquidi devono essere posti in

contenitori della capacità massima di 100 ml ciascuno (90ml/3 fl.oz Usa, per i voli dagli U.S.A e Puerto Rico e

voli all’interno di questi Paesi). Contenitori più grandi, anche se parzialmente pieni o arrotolati (ad esempio il

tubetto del dentifricio), non saranno permessi. Tutti i contenitori andranno riposti in una singola busta di

plastica, trasparente e ri-sigillabile, di capacità non superiore a 1 litro, ovvero di dimensioni non superiori a

circa cm 18 x 20. I contenitori dovranno poter entrare comodamente in essa e dovrà essere possibile

richiudere la suddetta busta con tutto il suo contenuto. La busta dovrà essere estratta dal bagaglio a mano e

dovrà passare separatamente attraverso il controllo di sicurezza.

Per ogni passeggero (neonati compresi) è permesso il trasporto di una sola busta di plastica delle dimensioni

sopra descritte.

Possono essere trasportati al di fuori della suddetta busta e non sono soggetti a limitazioni di volume, i seguenti

oggetti, purché siano dichiarati al controllo di sicurezza per le opportune verifiche:

- medicinali (liquidi, aerosol o gel) che siano necessari per il viaggio. Potrebbe essere necessario presentare

prova dell’effettiva necessità ed autenticità di tali articoli

- alimenti per bambini (latte in polvere, latte materno, succo di frutta, cibo) in piccoli contenitori, purché il

bambino/neonato viaggino a bordo

Tutto ciò che di liquido verrà trasportato al di fuori della normativa potrà essere sequestrato.

SI

NO

Le nuove norme riguardano solo il bagaglio a mano; rimane sempre possibile trasportare sostanze liquide

(purché di tipo non vietato) nel bagaglio da imbarcare in stiva.

A partire dal 1/1/2008 il Dipartimento dei Trasporti ha imposto ai passeggeri un massimo di due batterie al litio

sia nel bagaglio a mano che in quello spedito. Inoltre le pile devono essere tenute separate in apposite buste

di plastica o essere nella loro confezione originale. Il provvedimento, ha spiegato il Dot, si è reso necessario

con l'aumento degli apparecchi elettronici trasportati, che richiedono appunto un maggior numero di

batterie al litio; queste però sono considerate a rischio di surriscaldamento e, quindi, d'incendio

In Aeroporto

Al fine di procedere ai controlli, è obbligatorio:

- presentare agli addetti ai controlli di sicurezza tutti i liquidi trasportati nel bagaglio a mano, affinché siano

esaminati

- togliersi la giacca e il soprabito per essere sottoposti separatamente ad ispezione

- estrarre dal bagaglio a mano i computer portatili e gli altri dispositivi elettrici e elettronici di grande

dimensione, per

essere ispezionati separatamente

E’ possibile portare a bordo liquidi, come bevande e profumi, acquistati nelle aree Duty-Free, situate oltre i

punti di sicurezza degli aeroporti dell’Unione Europea o a bordo di aeromobili utilizzati da compagnie

appartenenti all’Unione Europea. Non aprire le buste sigillate nelle quali tali articoli saranno confezionati e

conservare la prova d’acquisto; in caso contrario, gli articoli acquistati, transitando presso gli aeroporti

intermedi del vostro viaggio, potrebbero essere sequestrati. Tutti questi liquidi saranno da considerarsi in

aggiunta alle quantità di liquidi che devono essere contenuti nella busta di plastica precedentemente

menzionata. Al momento (in attesa di nuova normativa), non possono essere portati a bordo liquidi acquistati

nei Duty-Free di Paesi Extra-Ue o a bordo di aerei di compagnie Extra-Ue; questi saranno soggetti a sequestro

in caso di scalo presso l’aeroporto in Europa/Italia. Quanto sopra è il riassunto delle disposizioni introdotte ed

al momento in vigore, dall’Enac (sulla base del documento elaborato dall’Unione Europea) e dalla Federal

Aviation Administration degli U.S.A. In caso di dubbi, prima di intraprendere il viaggio, è bene rivolgersi alla

propria compagnia aerea. L’adozione di tali misure potrebbe causare ritardi nell’espletamento della formalità

d’imbarco; Vi consigliamo pertanto di presentarvi in aeroporto con largo anticipo.